martedì 11 settembre 2007

Quale verità sull' 11-9-2001 ?

E’ stato terminato il film dal titolo "Zero-Inchiesta sull'11 settembre" (sito ufficiale www.zerofilm.it), e vede la partecipazione di Dario Fo, Moni Ovadia, Lella Costa, Gore Vidal e decine di esponenti del movimento per la verità sull'11 settembre da tutto il mondo e, aspetto non trascurabile, contiene novità assolute sul fronte dell'indagine.
L’uscita nelle sale è prevista per i primi di Novembre ma nel frattempo vi è la quasi ormai totale certezza che nella conferenza stampa di metà settembre, che presenterà la seconda edizione del Festival del Cinema di Roma, sarà ufficializzata la presenza alla prestigiosa manifestazione.
Inoltre, in sintonia e sinergia con il film, la scorsa settimana è uscito in libreria il volume curato da Giulietto Chiesa con la collaborazione di Roberto Vignoli: “ZERO - perché la versione ufficiale sull’11/9 è un falso” edito dalla PIEMME, che vede la partecipazione di molte firme prestigiose del giornalismo e della cultura mondiale. Film e libro hanno la stessa presentazione grafica e si integrano vicendevolmente. Sono i due primi segmenti di un'operazione multimediale, e verranno seguiti dalla produzione di un DVD, che conterrà il film e le "note a pié di pagina", cioè alcune ore di materiali che non è stato possibile utilizzare nel film ma che costituiscono un imponente corpo di dimostrazione dell'assunto principale.
La Filcams Cgil del Trentino

2 commenti:

nicola.messina6 ha detto...

“L'esplosione c'è stata; enorme, spaventosa. Il botto ci raggiungerà, ci assordirà.
Potrebbe spazzarci via”.
Tiziano Terzani


Purtroppo ho visto solo ora questa parte del Blog e sono molto contento di constatare che anche qui a Trento vi sono persone che si interessano alla vicenda. E' da molto che raccolgo filmati e notizie sulla tragedia che ha marcato a fuoco l'inizio di questo secolo.
L’ambiguità delle immagini che trapelano in modo così evidente, specialmente quelle del pentagono e dell'aereo caduto in Virginia, suscitano ancora oggi un urlo di indignazione e di terrore.
Indignazione, in quanto è abbastanza chiaro che, sia sul Pentagono che in Virginia, non possono essere caduti dei boeing senza lasciar traccia se non piccoli rottami. Ho visto personalmente decine d’immagini di incidenti aerei nelle quali si vedono i rottami dello stesso sparsi anche dopo lo schianto a terra: dal motore (quasi indistruttibile), alle ali per non parlare della coda. Qualcosa era rimasto! Ma li, stranamente, no. Questa domanda me la posi il giorno dopo l’attentato.
Terrore, in quanto all’epoca aver associato quelle immagini con certe dichiarazioni ufficiali, hanno suscitato in me sdegno e repulsione nel voler accettare la pubblica verità. Terrore in quanto quelle immagini e le dichiarazioni ufficiali di allora, facevano presagire a guerre future. Terrore, perché sommando il tutto il risultato era marcatamente a favore di una parte, che dalla tragedia ne ha ricavato più di quanto abbia mai perso. Alla luce di ciò non è sbagliato affermare che l’azione terroristica possa non essere stata osteggiata con dovuta perizia o anche essere stata favorita. Si vedano le denunce di enormi spostamenti di denaro avvenuti nei giorni precedenti l’attentato. Si sentano le dichiarazioni dei testimoni di tutti e quattro gli attentati nelle quali rilasciano interviste in chiaro contrasto con la “la verità” ufficiali.
L’enorme movimento di denuncia nato sul web ha un chiaro obbiettivo, la verità sull’11 settembre.
Una verità per fermare il male, fuoriuscito dalle fiamme di Ground Zero per offuscare la verità e la libertà.
Una verità contro il pugno di esseri (mi rifiuto di chiamarli umani) che dalla tragedia si sono e si stanno arricchendo sulla pelle degli iracheni, degli afgani, dei militari uccisi per difendere interessi oscuri e della pace mondiale.
Una verità per evitare gli scontri futuri che possono portare solo a tragedie immani.
Una verità per contrastare l’attacco alle nostre libertà civili, sociali e di mobilità.
Dall’11 settembre noi abbiamo perso molto e tanti non se ne sono accorti. Continuano a vivere nel loro sogno cremisi per evitare di pensare che il loro benessere è costruito su di una montagna di cadaveri.
Prima o poi la puzza colpirà tutti.
Grazie a coloro che hanno inserito questo post, spero che si possa fare un’iniziativa per informare la gente locale.
Grazie a coloro che hanno messo in piedi questo blog.

Nicola Messina

nicola.messina6 ha detto...

Inserisco questa lettera di Padre Benjamin in quanto credo rappresenti al meglio il mio pensiero sulla vicenda e le sue conseguenze.
E' stato preso dal sito, che invito tutti ad andare a visitare: http://www.luogocomune.net

Ha decisamente colpito la lettera di Padre Jean-Marie Benjamin pubblicata ieri da Beppe Grillo, che qui riproponiamo. E’ un documento così lineare, così pulito e trasparente, così “cristiano” nella sua essenza invece che nella sua forma, che ci si domanda a questo punto dove sia finito il resto della cosiddetta “Chiesa di Cristo”. Che cosa potrebbe fare oggi un Ratzinger, con tutta la Chiesa unita dietro a lui, per mettere fine alla vergogna irachena, se solo applicasse con rigore la vera dottrina di cui si dice portatore? Perchè i veri cristiani non protestano, in ogni chiesa, in ogni sacrestia, o nella stessa Piazza S. Pietro, e non reclamano a gran voce che il Papa, i cardinali, e tutti i vescovi del paese facciano finalmente, una volta tanto, il loro dovere di cristiani? E perchè invece un padre Benjamin deve apparirci come un marziano, una specie di mosca bianca da studiare sotto l’ingranditore, solo perchè fa quello che il Vangelo gli impone di fare? M.M.


"Caro Beppe Grillo, sono padre Benjamin, non so se ti ricordi, nel marzo 2003 prima dell’aggressione americana contro l’Iraq, dicevo a “Porta a Porta” che non c’era in quel Paese nessuna arma di distruzione di massa, che era tutta una montatura di Washington per ingannare l’ONU e l’opinione pubblica.

Dicevo che se avessero invaso l’Iraq non avrebbero trovato nessuna arma di distruzione di massa, ma certamente un'eroica resistenza all’invasione. Mi hanno risposto con offese, ingiurie, calunnie e hanno dato ordine alle reti televisive e alle radio di non parlare dei miei libri e dei miei film sull’Iraq. Quando si dice la verità e i potenti Signori delle bugie non possono risponderti con altre menzogne, impiegano la denigrazione, l’insulto, la diffamazione.

Dio ti benedica, Grillo. Anche me hanno trattato da terrorista, perché dicevo la verità su quanto accadeva realmente in Iraq e denunciavo le menzogne dei “Signori delle Bugie” ...

... di Washington e Londra. Il Corriere della Sera, in un editoriale (del 2004) di un giornalista amico di un signore libico Capo del Mossad a Roma, aveva pubblicato che facevo parte di un’associazione islamica terroristica. Niente di più. Ho scritto cortesemente al quotidiano di correggere. Nessuna risposta. Il mio avvocato ha scritto al Direttore del quotidiano e al giornalista. Anche per lui, nessuna risposta. Ho fatto causa e ho vinto, con una sentenza definitiva del Tribunale di Milano.
Tutti questi “cani guardiani del Potere” mi trattavano in diretta televisiva da pro Saddam, perché dicevo che secondo l’UNICEF morivano in Iraq da 5 a 6.000 bambini al mese per le conseguenze dell’embargo, mi trattavano da anti-americano, perché dicevo che avevano contaminato la popolazione e l’ambiente con armi all’uranio impoverito, affermavano che queste armi non esistevano!

Gianfranco Fini mi tirava in faccia che non ero degno di portare l’abito religioso, perché affermavo che il rapporto presentato al Congresso americano, rapporto dell’Istituto strategico del Collegio di Guerra della Pennsylvania, conferma che nella strage di Halabja contro i Kurdi, che fece 5.000 vittime, con armi chimiche, l’Iraq non c’entrava niente. Citavo un rapporto ufficiale presentato al Congresso americano nel 1989, ma Fini, che nel 1983 viaggiava con Donald Rumsfeld in Iraq per andare a stringere la mano a Saddam Hussein, lui, nel 2003, Ministro degli Affari Esteri, non sapeva nulla di questo rapporto al Congresso. Ecco perché il processo a Saddam Hussein sulla tragedia dei Kurdi di Halabja non l’hanno mai voluto fare. Ecco perché l’hanno impiccato prima (per aver ucciso 148 estremisti islamici): per evitare il processo per le vittime di Halabja. Sarebbe saltato fuori il famoso rapporto al Congresso intitolato “Iraqi power and U.S. Security in the Middle East (97 pagine)" e sarebbe stato scoperto che in questa faccenda, loro, gli americani, avevano una pesante responsabilità.

Manipolano le coscienze con montagne di menzogne e offendono coloro che divulgano la verità per denigrarli presso l’opinione pubblica con la loro potente macchina di disinformazione. Come hai detto così bene, per farlo, i loro “cani da guardia”, su tutte le reti aziendali, abbaiano. Contro chi attacca la loro egemonia, contro chi denuncia il loro predominio e la loro arroganza. Il loro odio non ha fine. Per fermare chi dice la verità non si fermano dinanzi a nulla. Ecco un esempio: il 14 febbraio 2003 accompagnavo Tareq Aziz e la delegazione irachena per l’incontro con Papa Giovanni Paolo II. Saputa la cosa, hanno fatto di tutto per impedirlo. Sono (i signori delle Bugie e del Potere) intervenuti presso il Cardinale Camillo Ruini e presso alcuni potenti Prelati della Segreteria di Stato del Vaticano, perché mi fosse impedito di incontrare Giovanni Paolo II. E così fu.

Il giorno dell’udienza, arrivato con la delegazione irachena presso la biblioteca del Papa, mi fu impedito di entrare e mi fu chiesto di aspettare (come un cane), da solo, in una stanza. Dopo l’udienza di Aziz con il Papa, quando il Ministro iracheno è venuto a sapere quanto era accaduto, furioso, ha deciso di cancellare la conferenza stampa del pomeriggio presso la Sala Stampa Esteri. E’ soltanto dopo aver insistito per tre volte di mantenere la conferenza che finì per accettare. Tareq Aziz doveva partecipare a “Porta a porta”. Una telefonata del produttore mi informava, la mattina della trasmissione, che era stato vietato ai giornalisti di ricevere il ministro iracheno negli studi della RAI, e furono cancellate tutte le trasmissioni Rai alle quali avrebbe dovuto partecipare Aziz.

Democrazia in delirio. Caro Beppe, dicono di te cose deliranti! Benedetto sei tu, quando sei oltraggiato e offeso, ne esci ancora più grande. E’ così: i Media aziendali devono obbedire ai loro sponsor, lobby dell’armamento e del petrolio. Chi paga, comanda. Prendono i figli di Dio per dei coglioni, ma il peggio è che i figli di Dio non se ne rendono nemmeno conto! Fabbricano, nei loro studi, un video con un attore nel ruolo di Bin Laden.

Un anno fa con la barba grigia, adesso con la barba nera. Se ne accorgono troppo tardi e dicono che la barba di Osama è nera in questo nuovo video, perché è una tradizione degli islamici di tingersi la barba quando sono in guerra. L’anno scorso la barba di Osama era grigia e bianca, oggi è nera! Probabilmente perché l’anno scorso, anche se Bin Laden era in guerra, aveva dimenticato di andare in tintoria. Pronto il nuovo video di Osama barba nera, tutti i “cani da guardia” a trasmetterlo con appassionati commenti.

L’anno scorso, i Servizi segreti francesi avevano dichiarato che Bin Laden era morto e che ne avevano le prove. Sarà risuscitato. In un video, vedi Bin Laden mangiare con la mano destra quando è mancino e tutti coloro che lo conoscevano possono testimoniare che è mancino, ma fa niente, nessuno lo sa. Il suo anello al dito, non è suo, ma fa niente, non si vede bene. Gran parte dei discorsi del Bin Laden super star sono stati scritto da Adam Gadhan, di Los Angeles, il cui nome originale è Adam Pearlman (anche noto come Azzam l’Americano), ma fa niente. Che ne sa il gregge della RAI.

Ti dicono: oggi 27 attentati terroristici in Iraq. Non sanno nemmeno in Iraq chi siano gli autori di queste azioni, ma i Media in Occidente ti dicono che sono dei terroristi. Nell’ultima guerra mondiale, durante l’occupazione della Francia, la radio tedesca di propaganda diceva della Resistenza francese che si trattava di terroristi che attaccano le forze tedesche. Diceva Goebbels, capo della propaganda del III° Reich: “Quando dite una bugia, dovete ripeterla mille volte, alla fine tutti crederanno che è vera”.

Così fanno i servi dell’Impero della Bugia di Washington, Londra, Roma, Parigi e Sidney. Ti ricordi che i “cani guardiani del potere” avevano pubblicato che padre Benjamin aveva ricevuto dal Governo di Saddam Hussein delle "allocazioni" di petrolio. Avevo risposto che non le avevo mai accettate. Quando gli ispettori dell’ONU hanno pubblicato il loro rapporto e hanno scritto che non soltanto il Ministero del petrolio a Baghdad e la SOMO confermava che padre Benjamin non aveva mai ritirato queste allocazioni, ma che le aveva rifiutate ufficialmente con una lettera a Tareq Aziz (della quale gli ispettori dell’ONU avevano una copia), nessun quotidiano, dico nessuno di quelli che mi avevano offeso e denigrato, ha avuto il coraggio di scrivere “ci siamo sbagliati con Benjamin: il rapporto ONU conferma che non ha mai accettato queste allocazioni di barili di petrolio”. Anzi, padre Benjamin è stato l’unico, tra centinaia di personalità, ad aver rifiutato. L’unico stronzo, perché adesso si è fatto fregare il suo petrolio dagli americani.

Invece, puoi immaginarti il casino se fosse adesso rivelato quale società di Donald Rumsfeld faceva business con Saddam Hussein durante l’embargo e la quantità di barili di petrolio ed altro che si sono presi due Capi di Stato di Paesi Europei. E non sono quei Capi di Stato che si potrebbe immaginare, perché contrari all’aggressione contro l’Iraq. No, sono altri.

Potrei scriverti un libro, potrei anche raccontarti un sacco di cose sull’11 settembre 2001, sulle confidenze di Tareq Aziz durante la sua visita in Italia, su cosa probabilmente accadrà prossimamente in Iraq, ma non voglio abusare della tua pazienza e del tutto tempo. Ti ringrazio già di avermi letto fin qui. Volevo soltanto testimoniarti la mia stima per il tuo coraggio. Saranno capaci di tutto per fermarti, ma non ce la faranno. Sul tuo treno stanno salendo ogni giorno sempre più viaggiatori e il tuo binario è diritto, il loro è vecchio, storto e pericoloso. Ricordati di Colui che diceva “la Verità vi renderà liberi”.

Jean-Marie Benjamin