lunedì 14 gennaio 2008

Bamboccioni o supersfruttati

Quella che segue è la lettera di assunzione fatta ad un giovani di 20 anni da un’azienda artigiana nel nostro ricco Trentino.A seguito degli accordi intercorsi abbiamo il piacere di comunicarLe con la presente la Sua assunzione… La durata del suo contratto di apprendistato è di 60 mesi. …
Il relativo trattamento economico e normativo sarà proporzionato all'entità della prestazione lavorativa e regolato dal CCNL degli artigiani metalmeccanici.In particolare la sua paga base sarà di 1,78979 €, contingenza 1,63064 €, PPCP 0,24629 €, EDR 0,03284 €, per un totale lordo orario di 3,69 €. Il suo orario di lavoro di 40 ore settimanali ….
Un contratto come tanti che non figura fra i lavoratori precari ma che nella sostanza comporta una paga mensile di 638,37 euro mensili per 13 mensilità.L’articolo 36 della Costituzione recita che “Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa ….”
Purtroppo questa non è un eccezione ma la regola in tanti lavori specialmente nei servizi e nelle esternalizzazioni dove il fattore lavoro subisce un doppio sfruttamento. Il fatto che il contratto di appalto (o apprendistato) scade e quindi rischi di perdere il lavoro o se va bene ti viene decurtato l’orario settimanale e quindi la paga e dal punto di vista delle retribuzioni che sono sotto ai minimi di sopravivenza.
Ora, a livello nazionale si sta discutendo dei bassi salari e di collegare gli aumenti alla produttività ma non si discute del fatto che in molti settori, artigianato, servizi alla persona esternalizzazioni, i salari sono talmente bassi che sfido chiunque a dire che viene rispettata la Costituzione in materia di retribuzione equa e dignitosa.
Una prima questione riguarda il fatto che l’attuale contrattazione non garantisce nemmeno il rispetto della Costituzione e quindi ora più che mai serve un meccanismo automatico (la scala mobile) come strumento di legge atto garantire il rispetto dell’articolo 36 della Costituzione e quindi dare anche a questi lavoratori un retribuzione equa e dignitosa.
Caro Ministro Padoa Schioppa tu che parli tanto di bamboccioni, ti chiedo cosa deve fare un giovane di 20 anni al quale viene offerto un simile contratto di lavoro?
Ezio Casagranda - Filcams Cgil del Trentino
Trento, 14 gennaio 2008

2 commenti:

Nicoletta Soini ha detto...

Caro Ezio,
mai come ora la classe sindacale e politica italiana è stata lontana dalla base sociale del paese. La prima ha ormai perso credibilità in molti posti di lavoro, non riesce nemmeno a far rinnovare i contratti nazionali e chiede cose ridicole quale la detassazione degli aumenti nei contratti di secondo livello (beneficio riservato a pochi lavoratori). La seconda è troppo impegnata a discutere di riforma elettorale, della quale, in questo momento critico per milioni di italiani che non riescono ad arrivare a fine mese, non ce ne può fregar di meno...
Non si può vivere con 638 euro al mese e nemmeno sopravvivere! A mala pena si riesce a pagare l’affitto!
Se poi penso all’aumento di 78 euro lordi che abbiamo chiesto per il rinnovo del contratto nazionale del commercio e della distribuzione cooperativa, scaduti il 31.12.2006, non ci serviranno nemmeno a coprire l’incremento del costo dei carburanti che utilizziamo per arrivare sul posto di lavoro!
Se non saremo in grado di dare risposte concrete e in tempi rapidi su come arrestare l’aumento dei prezzi al consumo e su come integrare stipendi e pensioni, l’Italia si troverà ad affrontare una crisi economica al pari di quella argentina.
Nicoletta

Anonimo ha detto...

........."avvicinati al mondo del lavoro con fiducia giovane neo/occupato stiamo lavorando per te e bla bla bla bla bla...." recita così, almeno il senso è quello, uno spot che va in onda nelle radio nazionali commissionato dal ministro per le politiche giovanile..............se il lavoro di questo governo e di quelli che lo hanno preceduto produce questo schifo di contratti è meglio che tutti si facciano un esame di coscienza.............ma forse a qualcuno piace essere bastonato (come già scritto a dx e a sx a tanti piace essere dei "nani" (in tutti i sensi) imprenditori). saluti mariano