venerdì 8 febbraio 2008

Trentino Spa - servono scelte chiare

Si è svolta oggi l’assemblea dei dipendenti della Trentino Spa per una disamina delle problematiche aperte con la Direzione ed in particolare rispetto alla prevista ripresa del confronto per il contratto aziendale fissato per il prossimo 21 febbraio ’08.
La discussione ha evidenziato una forte clima di insofferenza da parte dei dipendenti sia per quanto riguarda l’ambiente interno sia per la scarsa considerazione che il management ha per l’impegno profuso dai lavoratori e dalle lavoratrici.
Invece rileviamo che, nella gestione quotidiana del personale, vi sono atteggiamenti autoritari e burocratici tesi a negare la professionalità degli operatori o comunque cercare di svilirne l’importanza. Senza contare che, per quanto concerne l’orario di lavoro, trasferte e turnazioni, le disposizioni aziendali non sempre sono rispettose delle norme.
Se fino ad ora la produttività della Trentino spa non ha risentito delle diatribe del gruppo dirigente, un grande merito va dato alla professionalità dei dipendenti che, nonostante le peculiarità della loro attività, con il loro impegno hanno permesso alla struttura di reggere il peso dell’organizzazione turistica.
Ricordiamo che lo stesso presidente dell’UCT, Gianni Bort, nel mese scorso sosteneva sulla stampa “… sono convinto che la chiave sia nella professionalità dei dipendenti, che le permette di non risentire di queste situazioni..”.
Quella della Trentino Spa, però, è ormai una situazione che rischia di esplodere da un momento all’altro, da momento che il personale è ormai saturo a causa di una situazione pesante che l’assenza di una vera Direzione ha trasformato in vero e proprio stress.
L’ assemblea ha quindi deciso di denunciare pubblicamente tale situazione chiedendo a coloro che ne hanno competenza che si assumano le necessarie responsabilità in modo da dare all’azienda una direzione autorevole ed in grado di dare le necessarie risposte compresa la definizione del contratto aziendale.
Siamo convinti che soprattutto il contratto integrativo può essere uno strumento importante per il riconoscimento e la remunerazione delle professionalità e dell’impegno profuso dai dipendenti. Di conseguenza, nel prossimo incontro, non saranno accettate posizioni dilatorie finalizzate a protrarre nel tempo la definizione dell’accordo aziendale. Quindi se in quell’occasione non ci saranno risposte concrete, i lavoratori non escludono iniziative di lotta per rivendicare i loro diritti.
Infine, l’assemblea dei lavoratori attende una scelta precisa e decisa da parte del Presidente Tiziano Mallarini per porre fine a questa assurda situazione di paralisi e quindi, anche se la sua è una situazione ereditata, deve assumersi le responsabilità che gli competono.

la Filcams Cgil del Trentino e la RSA aziendale


Trento 7 febbraio ’08

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Le stesse problematiche le abbiamo anche in APT piu' piccole e questo lo sai bene.Ci sono dipendenti che si stanno logorando anche fisicamente lavorando in queste realtà che sono in mano ai "rampanti" pseudo-politici di turno ai quali interessa davvero poco il "potenziamento turistico del territorio" quanto farsi una carriera in politica o in alcune associazioni di categoria! La realtà è questa,le problematiche di Trentino Spa sono le stesse identiche di molte altre APT ma ad essere piccoli e in pochi non conti niente...soprattutto se il tuo presidente non si chiama Mellarini.

Ezio ha detto...

Condivido il tuo pensiero.
Che la privatizzazione delle APT e della politica turistica in generale, abbia peggiorato le condizioni dei lavoratori che vi operano è fuori discussione.
Come Filcams e F.P. della Cgil con grande difficoltà, dovuta alla parcelizzazione delle APT, stiamo organizzandoci per fare il contratto provinciale della APT.
Abbiamo fatto il primo incontro a fine novemnìmbre e nei prossimi giorni tenere il secondo incontro per la definizione del primo contratto provinciale da applicare ai dipendenti APT.
Il nostro impegno è quindi costante con l'obiettivo di fare il contratto anche per voi.
Inoltre, se vuoi notizie delle richieste che abbiamo avanzato, in accordo con le lavoratrici nostre associate, puoi scrivere a Filcams.trento@mail.cgil.it
Attendo tue notizie.
Ezio